Ricerca la tue barzellette preferite tra le oltre 10.000 catalogate.     
  
tutte le parole    almeno una parola

 
I cacciatori
L'uomo e' cacciatore; la donna pescatrice.
L'uomo e' cacciatore, ma tanti diventano vegetariani.
L'uomo e' cacciatore... oppure guardiacaccia.
Cosa fa una mucca con il fucile a tracolla? Vaccaccia.
Nel piccolo villaggio nel pieno della jungla africana e’ arrivato il famoso cacciatore bianco Felipe.
Fa presto amicizia con il locale Pierino, un ragazzino negretto, simpatico, ma con l’handicap di essere balbuziente.
Un giorno sono seduti sotto una palma, quando si avvicina un leone.
Il Pierino lo vede e si mette a gridare: "Le..
le..
le..". Il leone si avvicina paurosamente e silenziosamente: e’ chiaro quali sono le sue intenzioni.
Il Pierino continua a gridare: "Le... le... le...".
Proprio quando il leone sta per fare l’ultimo salto, il cacciatore avvisato dalle grida del Pierino locale si gira, vede il leone e gli spara salvando tutti.
Viene indetta una grande festa per festeggiare Pierino e il cacciatore.
Grandi bevute e Hurra.
Ad un tratto Pierino grida: "Hip... hip..
hip...".
E tutti: "Hurra".
Pierino continua: "Hip... hip... hip.." e tutti "Hurra".
E tutti furono travolti e mangiati dagli ippopotami!
Due cacciatori in Africa sono assaliti da un leone.
Il prima spara, ma il fucile si inceppa.
Il compagno: "Cilecca!" e il primo: "No, ci mangia!"
Come si fa a prendere una lepre? Ci si nasconde dietro un cespuglio e si fa il verso della carota!
Henry, il cacciatore va fuori con il suo fido sei colpi in cerca di orsi.
Ad un tratto ne intravede uno tra gli alberi, carica il fucile e BANG! Quando il fumo va via l'orso e' sparito.
Sente un colpo sulla spalla, si gira e cosa trova? L'orso! L'orso gli dice: "Bel colpo amico, pero' ora hai due possibilita': o ti mangio o ti metti a 90 e ti lasci inculare!".
Siccome Henry non vuole morire, si cala i pantaloni e l'orso lo incula.
Torna barcollante a casa dove prende il fucile a pallettoni e dice: "Prendero' quell'orso!" e si rilancia nel bosco! Vede l'orso ancora, tira su il fucile e spara.
Il fumo va via e si sente chiamato ancora alla spalla.
L'orso: "Hei amico! Le stesse due possibilita'...".
Ancora la stessa storia... Henry striscia a casa, prende il piu' grosso fucile che trova e si incammina ancora verso la foresta.
Vede l'orso e spara.
Cadono le foglie e quando il fumo si dirada... niente orso, e come prima un tocco sulla spalla e l'orso: "Dimmi la verita'.
Tu non sei qui per cacciare, vero?".
Tre cacciatori in Africa discutono quale sia l’animale piu’ cattivo.
Dice il primo: "L'animale piu’ cattivo e’ il coccodrillo".
Il secondo ribatte: "Eh no! E’ piu’ cattivo il leone! ".
Allora interviene il terzo: "Mi dispiace avete torto tutti e due.
L’animale piu’ cattivo e’ il coccoleone".
"?!?!".
"Si tratta di un animale che da un lato ha la testa di coccodrillo e dall’altro lato ha la testa di leone".
E gli altri due esclamano: "Ma come puo’ fare la cacca? ". "Non puo’ ed e’ per questo che e’ il piu’ cattivo! ".
"Sono un biscotto, sono un biscotto ... " cosi' cantava un biscotto andando allegramente per il bosco.
Un cacciatore lo vede e gli spara.
"Sono una ciambella, sono una ciambella..."
Un tizio vuole andare a caccia di gorilla e cerca un esperto con un'inserzione sul giornale.
Si presenta un nano con un cagnolino che lo convince ad assumerlo perche' dice di possedere un metodo infallibile.
Cosi' partono per la jungla e dopo un po' vedono un gorilla in cima ad un albero.
Il nano sale sull'albero, scuote l'albero, il gorilla cade e prima che si muova il cagnolino gli morde le palle.
Il gorilla resta cosi' a terra tramortito ed e' catturato. "Bravo, non credevo proprio che ce l'avresti fatta!".
Vanno avanti e vedono su un albero un altro gorilla, enorme.
Il nano sale, guarda in faccia il gorilla, scuote l'albero, il gorilla cade, arriva il cagnolino che gli morde le palle.
Vanno avanti e ne vedono un altro, immenso.
Il tizio allora dice: "Voglio questo! Vai!".
Il tipo sale, guarda in faccia il gorilla, scuote l'albero, ma il gorilla non cade. Lo guarda ancora e ringhia.
Il gorilla s'incazza, scuote l'albero, il nano cade e appena a terra dice al tizio: "Spara al cagnolino! Spara al cagnolino!"
Un bracconiere sta tornando a casa con un cervo caricato sulla spalla.
A questo punto incrocia un guardiacaccia che lo ferma e gli dice: "Ma lei lo sa che non si puo' cacciare qui?".
"Certo che lo so!".
"Ok, e allora cosa ci fa con un cervo sulla spalla?".
E il bracconiere, guardandosi inorridito la spalla e scrollandosi via la preda con una mano: "Un cervo?! Ma che schifooo!".
Due amici, uno pescatore e uno cacciatore, si narrano ogni volta le rispettive avventure, ma con gli anni sparano frottole sempre piu' grosse.
Un giorno decidono di dirsi per il futuro sempre la verita'. Giorni dopo si vedono e il pescatore racconta: "Ieri sono stato a pescare e ho preso un'anguilla di 20 metri!".
"Boom!".
"Ma eravamo d'accordo che nessuno metteva in dubbio i racconti dell'altro".
"Va bene, ci credo".
E' la volta del cacciatore di raccontare le sue avventure: "Ieri sono stato sui monti e ho abbattuto un alce enorme, ma sono stato sorpreso dal guardiacaccia e quindi gli ho dovuto sparare".
"Ma cosa mi dici?".
"Certo! Poi sono scappato in auto, ma mi ha fermato la polizia e allora sono stato costretto a sparare pure a loro".
"Ma va la', ma cosa mi dici?".
"E poi mi sono nascosto in un bar e sono stato circondato da una folla che mi voleva linciare; allora ho preso il fucile...".
"E la miseria! Non mi vorrai far credere che...".
E il cacciatore: "Senti, o accorci l'anguilla o faccio una strage!"
Tre cacciatori si ritrovano al "Bar della Jungla" e raccontano ciascuno la sua giornata di caccia.
Primo cacciatore: "Oggi ho preso un sacco di prede: due leoni, quattro gazzelle, un rinoceronte, due gorilla e ben sette nosbara".
Secondo cacciatore: "Beato te, io ho beccato solo un paio di facoceri, una gazzella e una mezza dozzina di nosbara".
Terzo cacciatore: "Io sono proprio sfortunato: oggi solo cinque nosbara".
Un quarto cacciatore che ascoltava dal suo tavolino si intromette e chiede: "Scusate, ma che bestie sono questi nosbara?".
E gli altri: "Veramente non lo sappiamo di preciso, sono delle specie di stupidissime scimmie senza pelo che quando gli punti il fucile invece di nascondersi escono a braccia alzate urlando: - No sbara, buana, no sbara".
Un cacciatore di leoni racconta la sua ultima, terribile avventura: "Ero solo nella jungla e senza munizioni.
All'improvviso un leone mi salta davanti e mi ringhia contro.
Con un balzo lo evito e comincio a correre a perdifiato.
La belva non rinuncia, capendo che dovevo essere indifeso, e comincia ad inseguirmi minacciosa.
Nella speranza di trovare rifugio da qualche parte prendo un sentiero che non conosco ma dopo qualche metro mi ritrovo in una zona brulla e sassosa, nessun riparo in vista e il leone sempre dietro.
Il leone era ormai a pochi metri quando scivola e io riguadagno terreno.
Purtroppo dopo un po' mi ritrovai sul ciglio di un burrone senza via di scampo. Mi voltai pronto a morire vendendo cara la pelle, quando mi accorgo che il leone continua a scivolare ad ogni passo.
Proprio all'ultimo balzo atterra male e si rompe la testa contro un sasso... una vera fortuna".
"Uhh - fa un altro cacciatore - al tuo posto io me la sarei fatta addosso!".
"E secondo te, su cosa e' scivolato il leone?!".
Colmo per un cacciatore: avere un uccello fra le gambe e non potergli sparare!
Due carabinieri sono in missione in un paese dell'Africa.
Nel loro giorno libero vanno a caccia, vedono un leone, gli sparano e lo fanno secco al primo colpo.
Scendono dalla Jeep per caricare la bestia e cominciano a tirare il leone per la criniera.
Ma tira tira, il leone e' troppo pesante e non riescono a spostarlo.
Passa di li' un negretto che dice loro: "Guardate che se tirate il leone per la coda fate meno fatica!".
I due carabinieri applaudono subito alla bella idea e si mettono a tirare dalla coda.
Solo che dopo un'ora di sforzi uno dei due dice: "Sara' una bella idea, ma mi sembra che invece di avvicinarci alla Jeep ci stiamo allontanando!".
Due turisti mentre vagano per la savana senza armi vedono all'improvviso venire loro incontro un leone.
Uno dei due apre velocemente il suo zaino e comincia a infilarsi le scarpe da tennis. "Sei pazzo se pensi di correre piu' veloce del leone!" dice l'altro.
E il primo: "Certo che no, ma io voglio correre piu' veloce di te!".
Un amico all'altro: "Stanotte ho fatto un sogno terribile.
Ero a caccia.
Ad un certo punto ho visto un uccellino e allora ho preso il mio fucilone, ho puntato e ho tirato: Pum! Allora l'uccellino ha tirato fuori dalla sua aletta destra un fucilino e mi ha sparato: Pim! E allora io ho risposto: Pum e lui col suo fucilino: Pim ... e io Pum! e lui Pim! ... e cosi' tutta la notte! Un vero incubo! Io sparavo su di lui e lui tirava su di me!".
E l'amico: "Beh, allora come e' andata a finire?".
"Non ci crederai, ma mi sono svegliato la mattina che l'uccello ancora mi tirava!".
Ci sono tre professori di Statistica che vanno a caccia di lepri. Ad un tratto ne vedono una.
Il primo spara ... un metro a destra.
Il secondo spara ... un metro a sinistra.
Il terzo esclama: 'L'abbiamo presa! '.
Come si caccia un elefante blu? Con un fucile per elefanti blu, ovviamente!
Come si caccia un elefante rosso? Lo strangoli finche’ non diventa blu e poi lo colpisci con un fucile per elefanti blu!
Come si caccia un elefante verde? Gli racconti una barzelletta sporca cosi’ diventa rosso, quindi lo strangoli finche’ non diventa blu e poi gli spari con un fucile per elefanti blu.
Come si caccia un elefante giallo? Mai visti elefanti gialli!!
Un cacciatore spara, ma manca l'uccello che vola via.
Spara di nuovo ad una lepre, ma anche questa scappa.
Allora dice: "Quando fanno cosi' li ammazzerei!"
Un esploratore, al ritorno da una battuta di caccia, racconta agli amici: "Ero appostato, quando ad un tratto un grosso leone e' uscito fuori da un cespuglio: PPPRRRRROOOOT!".
E gli amici: "Ma i leoni non fanno GGGGGRRROOOOOOAAARR?".
"Beh, dipende.
Non sempre escono di faccia".
Notizia giornalistica: Padre di 12 figli ucciso con un colpo alla nuca.
Era stato scambiato per un coniglio.
Perche' i carabinieri non vanno mai a caccia di anatre? Perche' non riescono mai a lanciare i cani cosi' in alto!
Cinque medici (un medico generico, un pediatra, uno psichiatra, un chirurgo e un anatomo-patologo) decidono di andare a caccia di anatre insieme.
Ad un certo punto un uccello appare nel cielo e il primo a sollevare il fucile e' il medico generico, ma non spara ed esita pensando: "Non sono sicuro che sia un'anatra; e' meglio sentire cosa ne pensano gli altri".
Nel frattempo pero' l'anatra vola via.
Poco dopo compare un altro uccello nel cielo e questa volta il primo a sollevare il fucile e' il pediatra.
Ma anche lui non spara esitando un po' e chiedendosi: "Non sono sicuro che sia un'anitra e che non abbia un piccolo da sfamare.
E' meglio fare prima degli accertamenti".
Cosi' l'anitra ha il tempo di fuggire.
Poco dopo e' lo psichiatra che vede per primo un altro uccello.
Non ha dubbi che sia un'anitra, ma si chiede: "So che questa e' una vera anitra, ma chi in realta' conosce a fondo le anitre?".
E cosi' anche questo fortunato uccello fa in tempo a volar via.
Finalmente compare un quarto uccello e stavolta il chirurgo e' il primo a vederlo.
Alza il fucile fulmineo e spara; quindi si rivolge con non chalance all'anatomo-patologo e gli dice: "Va a vedere se quella che ho preso era un'anitra!".
Safari.
Il grande cacciatore tornato dall'Africa racconta le sue avventure agli amici al bar: "Beh, eravamo in due nella savana e quando abbiamo visto il leone uscire abbiamo puntato tutti e due, ma il fucile mio ha fatto cilecca e quello davanti a me lo ha sbagliato. Allora il leone gli e' saltato addosso sbranandolo.
Io tentavo di ricaricare, ma mi tremavano le mani e mi sono cadute tutte le pallottole per terra.
Faccio per raccoglierle e il leone si accorge di me.
Prima che si decida di aggredirmi mi arrampico sul ramo piu' basso di un enorme baobab e il leone di sotto che saltava per prendermi e con le unghie mi toccava i pantaloni.
E io mi tiravo un po' su, ma quando scivolavo giu', zac, lui tentava di unghiarmi e io mi sollevavo.
Appena scivolavo, zac, lui saltava per prendermi con le unghie.
Be' insomma ragazzi, non ho vergogna a dirvelo: mi sono cacato addosso!".
"Si', ci rendiamo conto, in quelle circostanze, chiunque...".
"Ma che avete capito? Mi sono cacato addosso adesso, mentre ve la raccontavo!"
Due amici si incontrano.
"Allora, Giulio, come va il matrimonio?". "Bene, bene... cioe' veramente c'e' un problema!".
"E sarebbe?".
"Vedi alle 5 mi sveglio e faccio l'amore, ma dopo devo andare nel campo a lavorare; verso le 11 mi viene ancora voglia.
Allora torno a casa e faccio l'amore.
Ritorno nel campo, ma alle 3 devo correre a casa a cercare mia moglie ! Capisci che non posso piu' lavorare e vedi tu stesso in che condizioni e' il mio campo...".
"Mah, Giulio, e' tutto qui? Tu ti devi organizzare.
Hai ancora il fucile da caccia?".
"Si', e' a casa".
"Bene, tu te lo porti dietro e dopo aver preso accordi con tua moglie ogni volta che avrai voglia spari un colpo di fucile e lei correra' a soddisfare i tui sani contadini desideri".
"Caspita! Questa e' una grande idea.
Faro' cosi' ".
Dopo un paio di mesi si rincontrano: "E allora come va?".
"Bene bene.
Alla mattina facciamo l'amore, poi vado nel campo ed alle 11 prendo il fucile e BUMM un bel colpo e mia moglie corre da me.
E poi alle 3 BUMM e lei viene e cosi' via.
Guarda ora che bel campo che ho e come sono ben puliti i fossi e come sono ricche le spighe, insomma tutto bene... cioe' tutto bene fino alla settimana scorsa".
"Perche'? Che cosa e' successo la settimana scorsa?".
"E che e' successo che hanno aperto la caccia ed io mia moglie non l'ho piu' vista !!!"
Un cacciatore decide di regalarsi un fucile per il suo compleanno. Dopo averlo comperato vorrebbe provarlo, cosi' , malgrado non sia stata ancora aperta la stagione di caccia, decide di andare a caccia lo stesso.
Una domenica mattina si alza prestissimo e si inoltra in un bosco per sparare con il fucile nuovo, ad un certo punto vede un piccolo branco di cinghiali, prende la mira e BUUM ammazza un bel cinghialetto di una ventina di chili.
Tutto soddisfatto per il suo bel fucile il cacciatore si butta sulla spalla sinistra il cinghialetto e sulla destra il fucile e fischiettando allegramente prende la strada per casa, ad un certo punto qualcuno alle sue spalle intima: "Altola'".
Il cacciatore girandosi vede una guardia forestale che si avvicina con passo risoluto.
La guardia gli chiede: "Cosa sta facendo nel bosco?".
Il cacciatore: "Mah, sa... un giretto tanto per fare...". E la guardia: "Cosa ha sulla spalla?".
"Ah, questo e' il mio fucile nuovo.
Bello vero?".
La guardia, piuttosto arrabbiata: "Non faccia il furbo con me! Sull'altra spalla dicevo".
Il cacciatore si gira a sinistra e dice: "Ah!! pussa via, brutta bestiaccia (fare con la mano destra il gesto di scacciare un'ape).
Un cacciatore entra in un'armeria per comprare un mirino telescopico per il suo fucile e chiede al commesso di vederne uno.
Il commesso ne tira fuori uno dicendo: "Questo mirino e' cosi' buono che da qui lei puo' riuscire a vedere la mia casa laggiu' sulla collina". Il cacciatore guarda nel mirino ed inizia a ridere.
"Cosa c'e' di cosi' ridicolo ?" chiede il commesso.
"Vedo un uomo ed una donna nudi che corrono in giro per la casa" risponde il cacciatore.
Il commesso gli toglie di mano il fucile e da' un'occhiata nel mirino.
Quindi da' due pallottole al cacciatore dicendo: "Ecco 2 pallottole, le regalo il mirino se riesce a colpire mia moglie alla testa ed il suo amante sul cazzo".
Il cacciatore guarda nel mirino, prende la mira e dice: "Sa, credo di riuscirci con una sola pallottola !".
Un animalista critica con rabbia una passante: "Lei, signora, non sa quanti animali hanno dovuto uccidere per fare la pelliccia che indossa...".
E la signora, con tono ancora piu' arrogante: "Lei, giovanotto, non sa quanti animali mi son dovuta fare io per comprarmela!"
Dal vaccabolario: CACCIATORI - Associazione di matadores e toreri
Dal vaccabolario: SAFARI - Torri di segnalazioni per caccia grossa
Un commendatore seduto al circolo viene sollecitato a raccontare le sue ultime avventure di viaggio per un safari: "... il leone esce allo scoperto, lo prendo di mira accuratamente, proprio in mezzo agli occhi... e sparo! Cilecca.
Un attimo di smarrimento e mi rendo conto che l'animale sta per saltare, ma, con sprezzo del pericolo e una freddezza che non mi sarei attribuito, invece di fuggire ricarico l'arma mentre il leone mi si avventa con le zampe tese e mi abbranca sulle spalle; un fetore orrendo esce dalla bocca...".
Un fattorino arriva all'improvviso correndo: "Commendatore al telefono!".
Con le scuse il Commenda si assenta per una lunga telefonata e quando torna si siede, completamente dimentico sulla poltrona.
Gli amici lo guardano con aria di attesa e il Commenda chiede: "Dove eravamo?". "Una gamba di qui e una di la'...".
Con aria confidenziale il Commenda allora conclude: "Che leccata ragazzi!".
Quando un uomo vuole ammazzare una tigre lo chiama sport, quando la tigre vuole ammazzare lui la chiama ferocia. (G.B.
Shaw).
Una guida safari sta spiegando come si caccia un leone: "Lo puntate con il fucile nel mezzo degli occhi, fate un respiro e... BANG, lo stecchite".
"Scusi, guida, ma se il fucile fa cilecca?". "Nessun problema, anche se il leone a questo punto corre verso di voi, ricaricate il fucile, puntate e BANG, fate sempre in tempo a sparargli".
"Si', ma se il fucile fa ancora cilecca?".
"Lasciate pure che il leone corra verso di voi, vi concentrate un attimo, ricaricate, mirate e BANG, lo stecchite".
"Scusi, guida, ma se il fucile fa ancora cilecca?".
"Beh a questo punto il leone e' vicinissimo a voi, non serve piu' il fucile e lo buttate via.
Per difendervi, mentre il leone vi assale, gli tirate della CACCA!!!".
"Scusi, guida, ma dove la troviamo la cacca??".
"Eeeee se ne troverete..."
Il direttore a un impiegato: "E si ricordi che la mia porta e' sempre aperta".
"E allora prenda un fottutissimo cacciavite e la aggiusti!".
Mio padre era un grande cacciatore.
Pero’ vegetariano.
Andava nei boschi e sparava ai funghi.
Un gruppo di cacciatori deve uccidere un orso che si trova in cima ad una collina.
La strategia e' quella di posizionarsi ognuno in un punto diverso per poi risalire la collina e accerchiare l'orso.
Un cacciatore obbietta: "E se mentre risaliamo scambio uno di voi per l'orso e gli sparo?".
Un altro risponde: "In questo caso sarebbe meglio che tutti noi mentre risaliamo la collina ripetessimo ad alta voce: 'non sono l'orso, non sono l'orso...".
Detto fatto i cacciatori iniziano la caccia: 'non sono l'orso, non sono l'orso, non sono l'orso, non sono l'orso'.
Un caccitore impugna il fucile e spara ad un altro cacciatore uccidendolo.
E gli altri: "Ma perche' l'hai ucciso?".
"Io ho capito 'sono l'orso' !"
Mio zio e' un formidabile cacciatore... pero' e' vegetariano... Va nei boschi... e spara ai funghi!!
 


© 2000 - /\/\arco /\/\ex