Ricerca la tue barzellette preferite tra le oltre 10.000 catalogate.     
  
tutte le parole    almeno una parola

 
I contadini
Un contadino vuol fare uno scherzo ad una delle sue galline e le sottrae di nascosto un uovo per dipingerlo di tutti i colori.
Poi lo rimette in mezzo alle altre uova e si mette a spiare le reazioni della chioccia.
Questa pero' resta del tutto indifferente.
Deluso, il contadino sta per tornarsene ai suoi lavori, quando vede dall'altra parte dell'aia un gran putiferio: e' il gallo che riempie di botte il pavone!
Il gallo ha aggredito il contadino, perche' andava a letto con le galline!
"Come va l'allevamento di polli?".
"Male, sono morti tutti!".
"Come mai?".
"Ma, forse li ho piantati tutti troppo vicini!".
Un signore vede in una fattoria un maiale con una gamba di legno. Il contadino spiega: "Gli siamo cosi' affezionati che lo mangiamo un po' alla volta!".
Un carabiniere a cena da un contadino si vede offrire del salame molto gustoso.
Al che il contadino vede il carabiniere prendere i chicchi di pepe e metterseli in tasca.
Per non contrariarlo rimane col dubbio e fa finta di nulla.
Alla fine della cena gli chiede se gli e' piaciuta, e il carabiniere risponde di si, al che il contadino per saggiare il terreno gli chiede: "Anche il salame?" e il carabiniere: "Si', era ottimo".
A questo punto il contadino rincuorato gliene vuole offrire un po' per casa e il carabiniere: "No, grazie, ma ho gia' preso i semi !".
Un contadino incontra un ciclista che, pedalando in salita, sale verso il Santuario.
Il ciclista gli chiede: "Vado bene, per la Madonna?".
" Porco Dio, sembri Bartali!".
Colmo per un contadino N.1: avere le balle di paglia!
Colmo per un contadino N.2: non capire 'un cavolo'.
Colmo per un contadino N.3: piantare tutto e non ritornare piu'.
Colmo per un contadino N.4: seminare... il panico.
Io da grande faro' l'agricoltore ... coltivero' peli! E' redditizio: mia sorella con un solo ciuffetto fa un sacco di soldi!
L'Agricoltore e' un contadino col telefono cellulare.
Sapete che ci fa un contadino piccolo piccolo, con un aratro piccolo piccolo, con dei buoi piccoli piccoli in un campo grande grande ? UN CULO COSI'!
Due contadini si recano in citta' e decidono di andare a mangiare in un ristorante di lusso.
Mentre aspettano il cameriere uno dei due ha necessita' di andare in bagno.
Al ritorno si siede e rilassato esclama: "Che cacata ho fatto !!".
L'altro correggendolo per non fare figuracce gli dice sottovoce: "Si dice feci!" e il primo: "Che cacata feci !!".
Preoccupato perche' le sue galline fanno sempre meno uova, un contadino finisce per dare la colpa al vecchio gallo che evidentemente non fa piu' il suo dovere.
Si procura un bel galletto e lo mette nel pollaio.
Il vecchio gallo si avvicina al nuovo re del pollaio e gli fa: "Forse puoi farmi un piccolo favore.
Tanto per salvare la cresta, facciamo una gara di corsa e chi vince si piglia il pollaio.
Cosi' non avro' l'aria di essere stato spodestato per scarso gallismo.
Vedendolo tanto malmesso, il galletto acconsente, e, anzi, per mostrare la sua generosita', concede al rivale un po' di vantaggio.
La gara ha inizio e, ben presto, il giovane gallo comincia a ridurre il distacco.
La rimonta e' costante e, gia' a meta' gara, il galletto ha quasi raggiunto il vecchio gallo quand'ecco che uno sparo mette fine alla competizione.
Colpito da una raffica di pallini, il giovane gallo stramazza al suolo, morto.
"Porco mondo! - esclama il contadino - E' il terzo gallo frocio che mi capita in un mese!".
Un contadino cerca un bel gallo da monta per le sue galline.
Si reca alla fiera del paese e compra un bel gallo del Texas.
Arrivato alla sua fattoria mette il gallo nel cortile e se ne va a fare colazione.
Poco dopo esce per mettere il gallo nella sua gabbia, ma non lo vede piu'.
Si reca allora al suo pollaio e comincia a vedere galline stese per terra ovunque, tutte a gambe aperte e con la lingua fuori: "Oh cavolo, se le e' trombate tutte!".
Si avvicina al recinto delle vacche e le vede tutte a terra stremate, a zampe aperte che gemono, bava alla bocca.
"Ma, anche le vacche!".
Passa dai maiali e lo stesso spettacolo gli si ripresenta: le maiale stese a gambe aperte; stessa sorte alle coniglie e alle pecore".
Finalmente lo vede nel campo disteso per terra, immobile, con gli avvoltoi che gli girano sopra.
"Oh finalmente, sei morto, eh? Chiava chiava, ti sei preso un infarto...".
Si avvicina al galletto che quando lo vede gli fa: "Hey, psss, sparisci!" e indicando gli avvoltoi gli dice "Fighe !".
I contadini giapponesi fanno KARA...KIWI !
Un contadino si accorge che di notte viene derubato delle galline per cui decide di chiudere il recinto dei polli con un lucchetto.
Il giorno dopo va a controllare e vede che il lucchetto e' stato scassinato.
Allora mette 2 lucchetti, ma il giorno dopo i 2 lucchetti sono saltati.
Grande decisione: si apposta vicino al cancello nascosto nella paglia.
Verso le tre di notte sente dei passi furtivi, poi qualcuno che armeggia con i lucchetti.
Allora allunga un braccio e tenta di afferrare il ladro e lo prende per i coglioni e stringe.
Il ladro si agita.
"Dimmi chi sei o stringo di piu'!" urla il contadino. Il ladro... niente.
Stringe le palle a due mani.
Una forza incredibile... "Dimmelo! Bastardo! Dimmi chi sei!".
Niente.
"Dimmi chi sei!!".
E il ladro, con voce flebile: "Ugo... il Muto...".
Un contadino si presenta all'ufficio brevetti con delle mele in mano: "Vorrei brevettare le mie mele".
L'addetto all'ufficio pero' gli mostra alcune perplessita': "Vede, oramai di mele ce ne sono di tutti i tipi, non mi sembra che valga la pena brevettarne delle altre".
E il contadino: "Ma, vede, le mie sono speciali.
Ad esempio questa mela ha il sapore di pera.
Assaggi".
L'impiegato assaggia: "Ma e' vero! E' eccezionale!".
E il contadino: "Guardi quest'altra.
Sa di banana".
L'impiegato assaggia e di nuovo rimane entusiasta.
Il contadino mostra la terza mela: "E questa e' il mio capolavoro! E' una mela che sa ... di figa".
L'impiegato assaggia, ma subito dopo sputa il boccone dicendo: "Ma sa di cacca!".
"Certo! La deve assaggiare dall'altro lato!".
Un tizio compra un mungivacche, ma decide di collegarselo all'uccello per farsi masturbare.
Lo attacca alla corrente e inizia. "AAAAgh Siiiiiiiii chebbello UUUUUUUH... OOOH.
Dopo mezz'ora, con due occhiaie che gli arrivano gia' alla bocca, decide di spegnerlo, ma il dannato canchero non ne vuole sapere.
Allora prova e riprova non ci riesce e nel frattempo viene altre 7 volte.
Decide allora di telefonare alla ditta che gli ha venduto l'aggeggio infernale: "AAAAAAH SIIIIIH scusi comeeeeeh AAAAAh si faaaaaah a spegnere il MUUUUUUHngivacche che mi avete vendUUUUUIIOto? ".
"Non si preoccupi. Quando la botte da 12 litri si riempie si spegne da solo!".
Un contadino riceve la visita di un rappresentante di apparecchi automatici che gli dice: "Questa macchina raccoglie le olive, le sbuccia, le snocciola, le preme, ne filtra il succo, lo imbottiglia, etichetta il tutto, chiude la bottiglia e voila' da questa parte esce la bottiglia di olio.
Allora che ne pensa?".
Il contadino: "Ma... li fa li bucchini ?".
Il venditore: "No, forse lei non ha capito" e gli rispiega il tutto con piu' particolari.
"Ha capito ora?".
"Si', si', ma li fa li bucchini?".
Il venditore insiste: "Non mi devo essere spiegato bene.
All'interno di questa macchina vi e' un computer sofisticato, per cui questa macchina puo' apprendere, ma sempre compiti per la quale e' stata creata.
In particolare, questa macchina ... raccoglie le olive, le sbuccia, ecc, ecc.
Adesso ha capito?". "Si', si', ho capito, ma li bucchini li fa?".
E il venditore spazientito: "Nooo, le ho detto di nooo!! I bocchini non li fa!".
E il contadino con voce pacata: " Ahhh, ma allora prendo le ragazze dell'anno passato!".
Un contadino in cattive condizioni economiche decide di vendere tutti i suoi beni, fra cui un maiale e una scimmia.
Prima pero' fa ingrassare il maiale turandogli il sedere con un turacciolo.
Il giorno della fiera carica i due animali sul camioncino e parte.
Ma durante il percorso sente una gran puzza; si ferma e va a vedere dietro.
E cosa vede? La scimmia che si tura le narici con una mano e con l'altra ... (gesto di rimettere il tappo nel culo del maiale).
Un contadino sta ammirando il proprio allevamento di galline all'aria aperta.
Ad un certo punto si avvicina un tipo distinto e gli chiede: "Belli i suoi polli, cosa mangiano?".
"Ah guardi ... solo roba di prima qualita', costosissima".
"Ma non si vergogna? Io sono un commissario della FAO incaricato di multare chi spreca cibo e le faro' avere una multa di un milione di lire!".
Qualche giorno dopo l'allevatore viene avvicinato nuovamente da una persona: "Belli i suoi polli, che mangiano?".
L'allevatore ricordandosi del tizio di prima gli fa: " Ah ... roba da poco, scadente, di scarto ...".
"Ma non si vergogna? Io sono della protezione animali e presto le faro' arrivare una bella multa di un milione!".
Dopo una settimana l'allevatore, ricevute le due multe, viene nuovamente avvicinato da un ammiratore dell'allevamento: "Che belli i suoi polli, che cosa mangiano?".
"Ah, guardi, io gli do diecimila lire a testa e si comperano quello che vogliono!".
Un contadino decide di fare montare la scrofa per avere nuovi porcellini per il proprio allevamento.
Ma la scrofa non riesce a rimanere incinta e cosi' decide di rivolgersi ad un contadino che abita vicino a lui.
Questi gli consiglia: "Guarda, io ho un maiale che e' veramente potente, la fai montare dal mio maiale e mi dai un terzo dei maiali che nascono.
Domani mattina alle tre precise, carichi la scrofa sul furgone, la porti qui e la facciamo montare".
"Ma da che cosa capisco che la scrofa e' rimasta incinta?".
"E' semplice: il giorno dopo la monta se la tua scrofa mangia le ghiande vuol dire che e' incinta, se non le mangia, la ricarichi sul furgone e vieni da me un'altra volta".
La mattina dopo il contadino carica la scrofa sul furgone, la porta dal suo collega che la fa montare dal maiale.
Dopo un'ora di monta continua, il contadino si ricarica la scrofa e se la riporta a casa.
Il mattino dopo si alza presto per veder se la scrofa mangia le ghiande.
Zero.
Ricarica la scrofa e ricomincia da capo la trafila, ma il risultato non cambia.
E cosi' per vari giorni.
Una mattina il contadino non riesce ad alzarsi perche' non sta bene e chiede alla moglie: "Vai a vedere tu se la scrofa mangia le ghiande". Lei va e gli risponde: "Non so se ha mangiato le ghiande, ma e' sul furgone che ti aspetta".
Un uomo di citta' fa una passeggiata in campagna quando vede un contadino appoggiato alla staccionata con una mucca bianca ed una nera dietro.
L'uomo chiede al contadino: - Ehi che belle mucche... quanto latte le fanno al giorno? - Ehhh..
quella bianca... tre litri.
- E quella nera? - anche! - ...quanti kilometri le fa pascolare al giorno? - Ehhh..
quella bianca..
sette.
- E quella nera? - anche! - E..
quanto fieno le mangiano? - Ehhh..
quella bianca..
sei chili.
- E quella nera? - anche! - Scusi..
mai io le sto facendo le domande per tutte e due le mucche... perche' mi risponde prima per quella bianca e poi... - Ehh..
perche' la mucca bianca e' mia.
- Ah! E quella nera? - ANCHE!
Un contadino cammina per una strada tirandosi dietro una mucca, e curiosamente fa l' autostop! Una Ferrari si ferma e il conducente divertito offre il passaggio.
Il contadino attacca la mucca dietro l'auto e si siede tranquillamente.
"E la mucca ?".
"Non si preoccupi, lei faccia come se niente fosse!".
Perplesso il ferrarista parte e procede a passo d' uomo, ma il contadino gli dice: "Ma perche' va cosi' piano? Vada pure piu' forte".
"Ma si e' dimenticato che c'e' la mucca?".
"Lei non si preoccupi, faccia come se non ci fosse".
La Ferrari accelera, e nonostante tutto, la mucca e' sempre attaccata dietro.
"Ma come mai questa macchina non va piu' forte?".
"E poi la mucca?".
"Ma non si preoccupi!".
Il ferrarista, innervosito, accelera, ed a 50 Km/h guarda lo specchietto, e sbalordito constata che la mucca segue tranquilla.
Accelera rabbiosamente, oltrepassa i 100 Km/h , mette la terza e... giu' a tavoletta ! A 230 Km/h finalmente: "Ecco! Vedo dallo specchietto che la sua mucca comincia a dare segni di stanchezza!".
"Cooosa?".
"Si' ! Ha la lingua di fuori!".
"Ma da che parte ha la lingua?".
"A sinistra!".
"No! Si e' stufata di star dietro e mette la freccia per sorpassare !!".
Un contadino chiama il garzone e gli dice: "Prendi quello sgabello e vai a mungere la mucca".
Passa 1 ora.
Nulla.
2 ore nulla.
3 ore nulla.
4 ore nulla.
Dopo 5 ore torna il garzone tutto sudato con il secchio vuoto e con lo sgabello in mano: "Signore sono ore ed ore che provo, ma la mucca non c'e' verso di farla sedere".
Un contadino ha due figli, uno pessimista e uno ottimista.
Le stesse cose sono viste sempre diversamente da due ottiche opposte sia a scuola, che nella vita o nell'amore.
Ad es.
un bel voto e' visto cosi' dal pessimista: "Ahime', rischio di essere visto male dai miei compagni, e poi rischio di non studiare piu' e quindi di andare male in futuro...".
Al contrario l'ottimista se prende un cattivo voto dice: "Bene, cosi' in futuro mi impegnero' di piu', ecc".
Il contadino afflitto da tale situazione decide di recarsi dal medico per trovare una soluzione e questi gli suggerisce: "Tu hai due stalle.
Per il prossimo compleanno tu metti una bella moto in una stalla regalandola al pessimista e un sacco di letame nella seconda stalla regalandolo all'ottimista".
Arriva il giorno del compleanno e il contadino dice ai rispettivi figli di entrare nelle rispettive stalle per ritirare il regalo.
Il pessimista entra e trova la moto: "Ahime', e se ho un incidente, e se me la rubano, chi e' piu' sfortunato di me!". L'ottimista entra nell'altra stalla e poiche' dopo un'ora non e' ancora uscito, il padre va a vedere e trova il figlio tutto sporco di letame che dice: "Eppure qui sotto ci deve pur essere una moto...!".
Due contadini vanno ad una fiera agricola per acquistare una vacca.
Ad un certo punto trovano una vacca in offerta speciale, e i due contadini e domandano al venditore: "Come mai questa vacca e' in offerta speciale?".
"Perche' e' una vacca strabica, e' un vero affare, potete farle tornare gli occhi dritti soffiandole nel culo con un tubo".
I due contadini decidono di comprarla e tornano in campagna con il nuovo acquisto.
Si procurano un tubo da mettere nel culo della vacca e provano a farle tornare gli occhi dritti.
Il primo, dietro, soffia, soffia, ma gli occhi non si raddrizzano.
L'altro contadino, davanti, che controlla se gli occhi si raddrizzano: "Non soffi abbastanza forte.
Fammi provare a me".
Si dirige a prendere il posto del compare, prende il tubo, lo gira dall'altro lato e soffia.
Allora il primo contadino, notando la scena e leggermente indispettito, dice: "Scusa, perche' se usavi il tubo dal lato dove ho soffiato io ti faceva schifo...?".
Un contadino si reca nella sua stalla per mungere la vacca.
Le mette il secchio sotto e sta per iniziare la mungitura quando la vacca, dispettosa, con una zampa posteriore rovescia il secchio.
In contadino allora le lega la zampa ad un palo li vicino.
Riprende a mungere, ma la vacca dispettosa rovescia nuovamente il secchio con l'altra zampa posteriore.
Il contadino allora le lega anche questa zampa.
Ma ancora una volta, appena iniziata la mungitura, la vacca fa rotolare il secchio usando la zampa anteriore destra.
Il contadino non si perde d'animo e le lega anche tale zampa.
E cosi' succede anche per l'altra zampa che viene alla fine legata anch'essa ad un palo.
Ma mentre il contadino riprende per l'ennesima volta la mungitura la vacca, sempre piu' dispettosa, con un colpo di coda rovescia nuovamente il secchio.
Il contadino, stavolta alquanto scocciato, le prende la coda e gliela lega, salendo su uno sgabello, in alto in modo da immobilizzarla completamente.
Nel fare questa manovra pero' la cinghia dei pantaloni si rompe e questi cadono giu' mostrando un pene eretto (i contadini non portano le mutande).
Proprio in quel momento entra nella stalla la moglie che grida scandalizzata: "Ma che stai facendo?".
E il contadino: "Trombo la vacca, perche' se ti dico che la sto mungendo non mi credi!".
Un medico e' chiamato una notte a casa di un contadino che gli annuncia che la moglie sta per partorire nella stalla dove e' crollata.
Vanno nella stalla tutta buia e il medico chiede al contadino di tenere in mano una lampada.
Guarda la donna e dice: "Sei il padre di un bel maschio.
Facciamo un brindisi! No, aspetta, sei padre di un paio di gemelli maschi.
Apriamo una bottiglia! Un attimo. Vedo un altro bambino.
Allora, facciamo una festa! 'Spetta, 'spetta. Puoi tenere piu' vicino quella lampada?".
E il contadino: "Scusami, dottore, ma non sara' che e' la luce che li attira?".
Un ventriloquo arriva in un paese e vede un contadino seduto con un cane, un cavallo e una pecora: "Che bel cane! Ti spiace se gli parlo?".
E il contadino: "Questo cane non parla!".
Ma il ventriloquo insiste: "Hei cane, come va?".
E il cane: "Bene".
Il contadino e' un po' scioccato.
Il ventriloquo continua: "E' lui il tuo padrone?".
E il cane: "Si'".
"E come ti tratta?".
"Bene.
Mi porta in giro e mi da' un ottimo cibo".
Il contadino e' sempre piu' sconvolto.
Il ventriloquo allora chiede: "Posso parlare al cavallo?".
Il contadino risponde: "I cavalli non parlano!".
Ma il ventriloquo chiede al cavallo: "Hei cavallo, come va?".
E il cavallo: "Bene!".
Il contadino e' sempre piu' scioccato.
Il ventriloquo chiede al cavallo: "E' il tuo padrone lui?". E il cavallo: "Si'".
"Come ti tratta?".
"Bene, mi pulisce spesso e mi da' buon cibo".
Il contadino ora e' del tutto sconvolto.
Il ventriloquo gli chiede: "Ti spiace se parlo con la tua pecora?".
E il contadino, sconvolto, grida: "Quella pecora e' una gran bugiarda!".
I carabinieri fermano due contadini che tornano dal macello: "Che trasportate?".
"Un mezzo maiale".
"Vivo o morto?".
Ho visto un contadino siculo soffiarsi il naso nel suo fazzoletto di terra.
Un contadino ritornando a casa e venendogli da cagare decide di farla dietro un cespuglio.
Poco dopo sente: "Aspetta, aspetta". MORALE: Chi la fa l'aspetti!".
Un giorno Craxi e' in giro in compagnia del suo autista.
Dopo una curva molto stretta investe un maiale in mezzo alla strada.
"Cosa devo fare On.
Craxi?".
"Vai dal contadino e digli quello che hai fatto.
Vorra' essere pagato, sicuramente".
Dopo un po' l'autista torna, apre il baule della macchina e mette dentro due casse di vino. Poi torna dal contadino e porta tre prosciutti.
"Ma che succede?" dice Craxi.
"Un attimo solo signore, c'e' ancora dell'altra roba" e torna con formaggi, carne, etc.
"Ma che diavolo stai facendo? Dove hai preso tutta questa roba?".
E l'autista: "Ma, sono andato dal contadino e gli ho detto: "Scusatemi, ma io sono l'autista di Craxi e giu' nella strada ho ucciso quel maiale e, e ....".
E non sono riuscito a dire di piu' che questo tipo mi stringe la mano e mi da' tutta questa roba!
Uno giorno un contadino sorprende un commesso viaggiatore che fa l'amore colla sua figlia piu? giovane e preso dall?ira gli spara all'inguine con il suo fucile da caccia riducendo il suo pene a un colabrodo.
Il commesso, strillando per il dolore, scappa in citta? alla ricerca di un dottore.
Ne trova uno, ma questi gli dice che non puo? fare nulla per lui.
"Oh, per favore faccia qualche cosa" implora il commesso "Sono un uomo ricco e posso pagarla bene".
"Spiacente, figliolo" dice il dottore "Non c'e? nulla che posso fare.
C'e? comunque un uomo dall?altra parte della strada che potrebbe aiutarla". "Oh? E? uno specialista?" chiede il commesso.
E il dottore: "No! Lui e? un suonatore di flauto.
Le insegnera? come tenerlo senza pisciarsi addosso".
Due vecchie contadine stanno raccogliendo patate in un campo quando una di loro, raccogliendo due grosse patate piene di terra, esclama: "Ma guarda! Sono come le palle del mio Vittorio !".
E l'altra: "Cosi' grosse ?".
"No, cosi' sozze !".
Bianchina e Nerina sono due mucche.
Un giorno il contadino le porta dal toro ma questi dopo tutta una mattina non si decide ad operare.
All'ora di pranzo lascia il garzone con le 3 bestie dicendogli: "Badaci tu, io vado a mangiare.
Quando il toro avra' fatto il suo dovere fammelo sapere" e se ne va a pranzo con la moglie e i figli.
Poco dopo il garzone entra in casa del contadino gridando: "Padrone, il toro ha chiavato la Bianchina!".
Il padrone lo prende in disparte: "Quante volte ti ho detto di pesare le parole quando ci sono i bambini.
Dovevi dire: 'il toro ha fatto uno scherzo alla Bianchina' e io capivo.
Ora torna nella stalla e quando il toro si e' fatto anche la Nerina vieni a dirmelo".
Il garzone ritorna nella stalla e poco dopo ritorna gridando: "Padrone, il toro ha fatto uno scherzo alla Nerina!".
"Si', ho capito".
E il garzone: "No, il toro ha fatto uno scherzo alla Nerina".
"Si', ho capito".
E il garzone: "No, il toro ha fatto proprio uno scherzo alla Nerina: si e' trombato di nuovo la Bianchina!"
Un contadino va in citta? al cinema a vedere per la prima volta in vita sua un film porno; resta molto impressionato dal pompino (cosa che non conosceva) e decide di insegnarlo al ritorno alla moglie. Appena entra in casa la chiama e le dice: "Maria, tu sapessi cosa ho imparato!! Il pompino!! Bisogna che tu me lo faccia perche? e? troppo bello!".
Maria: "E come si fa?".
Contadino: "Vieni in camera che ti insegno." I due vanno in camera, lui si spoglia e si mette sul letto. Contadino: "Ora Maria prendimelo in bocca".
Maria lo prende in bocca. Contadino: "Succhia Mari', succhia..... succhia Mari' succhia..... ahhhh succhia succhia succhiaaaaa ahhhhh SOFFIA MARI' SOFFIA!!! mi e? entrato il lenzuolo nel culo!"
Arriva un amico da un contadino: "Sul tuo campo un uomo sta scopando tua moglie!".
Il contadino corre via e torna dopo 5 minuti: "Non era il mio campo!".
Notizia giornalistica: Dopo una rapina i malviventi fuggono attraverso i campi.
I carabinieri setacciano la campagna.
I contadini ringraziano.
Un contadino sta arando il suo campo e vi sta gettando le sementi quando una gallina andandogli dietro se le mangia tutte.
Irritato da tale comportamento le da' un calcio nel sedere, per cui la gallina urlando di dolore torna nell'aia ed entra nella stalla andando a piangere sulla spalla della mucca: "Ma guarda che riconoscenza! Mi rompo il culo da mesi per dargli delle magnifiche uova e questa e' la riconoscenza che mi da'!".
E la mucca: "Ma che ti lamenti? Guarda a me! Sono anni che mi strizza le tette e mai un bacino sulla bocca!"
Due fratelli dediti alla pastorizia vivono isolati dal resto del mondo.
Un giorno uno dei due propone: "Caro mio, da un po' di tempo il mio pene reclama qualcosa di piu' stimolante del rapporto che intratteniamo con le nostre graziose caprette.
Perche' non andiamo in citta' in cerca di una bella puttanella?".
Detto fatto il giorno dopo si presentano dalla puttana del paese che pero' richiede loro l'uso del preservativo dicendo: "Non vorrei rimanere incinta!".
I fratelli, un po' a disagio, assecondano la meretrice e concludono l'affare.
Poi tornano al loro campo.
Alcuni mesi dopo, seduti accanto al fuoco rievocano con nostalgia quella lontana esperienza di vita sociale. Dice il primo: "Che interessante esperienza! Come godetti! Che femmina...".
E il secondo: "Dal carattere antipatico pero'...comprendo le sue ragioni, ma ella non fu cordiale con noi!".
"Gia'...ricordo...e a pensarci bene, a te ne importerebbe qualcosa se lei rimanesse incinta?".
"A me personalmente no...".
"Dai, allora, togliamoci questo coso!"
Notizia giornalistica: "Incriminato allevatore di suini.
Nella sua azienda sono stati scoperti numerosi piedi di porco".
Un contadino va al mercato con la figlia a vendere parte del raccolto e ne ricava un discreto gruzzolo.
Nel tornare a casa affida i soldi alla figlia e lui provvede a tirare il carro usato per trasportare la merce fino al paese.
Ad un tratto pero' sono assaliti dai banditi.
"Dateci tutti i soldi, o vi ammazziamo!".
"Ma... siamo poveri... non abbiamo niente...".
I banditi non gli credono e iniziano a cercare i soldi.
Stupore del vecchio: i soldi non si trovano. Incazzati piu' che mai i banditi decidono di rubare tutto il rubabile, lasciando i due nudi e portando via anche il carretto.
Una volta allontanatisi i banditi, il contadino chiede alla figlia: "Ma i soldi dove sono?".
"Eh, sai papa', quando ho visto i banditi arrivare ho pensato che l'unico posto dove non li avrebbero cercati doveva essere la mia figa, cosi' li ho infilati li'.
Eccoli qua!" e tira fuori tutti i soldi.
Un po' umidi, ma sempre interi.
E il padre: "Accidenti, se lo sapevo facevo venire anche tua madre, cosi' salvavamo anche il carro...".
Una coppia di contadini sta facendo colazione una mattina e l'uomo sta leggendo il giornale: "Cara, c'e' scritto nel giornale che solo l'uomo e' capace di avere un orgasmo".
La moglie gli dice: "Si', allora provalo!".
Allora l'uomo si alza e esce di casa; torna due ore dopo e dice alla moglie: "Con le vacche e' provato, con le pecore pure, ma con la maiala e' difficile da dire: non fa che gridare per tutto il tempo!".
Un fattore ha bisogno di una cura per il suo toro, che ultimamente e' molto pigro e non compie il suo dovere.
Cosi' va dal veterinario, e la cura sembra davvero efficace, visto che il toro non solo monta le vacche del fattore, ma anche quelle del suo vicino.
Il giorno dopo il vicino lo va a trovare e gli chiede: "Cribbio, ma cosa ti ha consigliato il veterinario, per fare diventare cosi' quel toro ?!?". "Mah, non lo so, delle pillole...".
"E che pillole erano ?".
"Mah, non ti saprei dire, pero' sanno di menta piperita".
Perche' i contadini si mettono nudi davanti ai pomodori? Per farli diventare rossi.
Un contadino va dal dottore: "Dotto' , tengo 'nu malo aqqui'... proprio aqqui' (sbattendo la mano in mezzo al petto).
Ed il dottore pensieroso: "Ah...allo sterno ?".
Ed il contadino: "NO , all' onterno !"
Cosa fa un contadino stupido quando c'e' confusione? Semina il panico.
Per i contadini l'ora legale e' un problema, perche' non riescono a mettere avanti il gallo. (Beppe Grillo).
Un contadino ha dei problemi nella stalla: il toro non ne vuol sapere di ingravidare una delle sue vacche.
Chiede un consiglio al veterinario che semplicemente lo invita a portare vacca e toro sull'aia ed aspettare che la natura faccia il suo corso.
Il contadino esegue, ma il toro non ne vuole proprio sapere.
Nell'attesa consulta varie riviste di Agricoltura e Zootecnia e trova qualche consiglio che decide di applicare.
Si infila un guanto ginecologico, solleva la coda della vacca ed infila tutto il braccio dentro l'animale muovendolo avanti ed indietro.
Dopo qualche minuto estrae il braccio e strofina energicamente la mano sul muso del toro.
L'operazione ha un successo immediato, il toro si eccita e compie onorevolmente il suo mestiere. Ormai all'imbrunire il contadino soddisfatto fa ritorno a casa, l'operazione che ha compiuto lo ha leggermente eccitato e si ricorda che ormai sono alcuni mesi che non ha rapporti con la moglie.
Arriva a casa si infila nel letto, infila la mano tra le gambe di lei, comincia a ravanare e poi si strofina la mano sulla faccia.
La moglie si sveglia di soprassalto: "Mario, Mario, ma cosa fai".
Accende la luce ed esclama: "Mario, ma sei caduto in bicicletta?".
Due escursionisti arrivano in un paesino sperduto sulle Alpi e scorgono un contadino con un toro che sta sonnecchiando sotto un albero.
Si avvicinano e uno chiede: "Scusi, cortesemente, saprebbe dirci l'ora?".
Il contadino allunga una mano, prende le palle del toro, le solleva e le soppesa e poi risponde: "Sono le 15,45".
Uno dei due giovani perplesso domanda: "Mi scusi, sono curioso... ma come fa a sapere l'ora soppesando le palle del toro?".
"Beh... se non sollevo le palle... non posso vedere l'orologio del campanile a fondo valle..."
Un ricco fattore purtroppo ha un figlio scemo e per di piu' e' anche figlio unico e quindi unico erede dell'azienda.
Un giorno decide che ormai il figlio ha raggiunto un'eta' in cui deve cominciare a prendersi delle responsabilita' e cosi' lo porta nella sua azienda per fargli vedere tutto quello che un giorno sara' suo.
Comincia a fargli vedere le macchine per la macellazione e l'insaccamento: "Questa e' una macchina per fare gli insaccati" e il figlio con un sorriso ebete: "Beeeloooo!".
Il padre continua: "Vedi, da questa parte si inserisce la carne tritata, e da quest'altra escono i salami gia' pronti!".
"Che beeelooooo!".
Passano ad un'altra macchina: "Questo e' un modello perfezionato della prima macchina: si inseriscono da questa parte dei quarti di maiale e dall'altra escono i salami gia' pronti!". "Beeelooo!".
Infine gli mostra l'ultima novita': "Questa e' una macchina che mi e' costata un capitale; serve per fare i salami di asinello.
Da questa porta si fa entrare un asinello vivo e da questa parte escono i salami di asinello! Bene, tutto questo un giorno sara' tuo!".
"Che beeelooo! Quando saro' il padrone faro' costruire anche una macchina che da una parte ci metti il salame, e dall'altra viene fuori un asinello!".
E il padre: "Sarebbe una spesa inutile: quello lo sa fare benissimo tua madre!"
Alla fiera un tizio vuole comperare un maialino.
Ne sceglie uno in un recinto e quindi domanda il prezzo: "10.000 lire al kilo". "Benissimo, me lo pesi".
Il contadino succhia un po' la coda al maialino poi esclama: "25 kg fanno 250.000 lire".
"Scusi sa, non per sfiducia, ma potrebbe metterlo sulla bilancia?".
Detto fatto, messo sulla bilancia pesa esattamente 25 kg.
"Meraviglioso, ma come fate?". "E' una dote di famiglia, anche mio figlio e mia moglie ci riescono. Pierinooo, vieni a pesare".
"Mi pesi quello...".
Pierino prende un maialino, succhia la coda e dice: "23 kg e 3 etti".
"Impossibile, anche gli etti???".
Il maialino viene pesato e il risultato e' proprio 23, 3 kg.
"Strabiliante" esclama il cliente.
"Glielo avevo detto, e' un dono di famiglia.
Pierino, chiama la mamma...".
Il bimbo corre via e poco dopo ritorna: "Papa', papa', la mamma non puo' venire, sta pesando il postino...".
Cose d'altri tempi... mio nonno contadino lavorava cosi' tanto, ma cosi' tanto, che l'arrestarono per abuso di podere!
Colmo per un contadino N.5: non riuscire a piantare la fidanzata!
Due pastori padre e figlio decidono dopo anni di solitudine in montagna di scendere in paese il giorno della festa patronale.
Mettono nella bisaccia pane e formaggio e scendono a valle.
Arrivati in paese si piazzano sul muretto della piazza della chiesa e fanno colazione mentre guardano la processione.
A un certo punto il padre estrae una tazza dallo zaino e dice al figlio: "Vai in quella osteria e riempila d'acqua".
Poco dopo il figlio ritorna e bevono avidamente.
Ma la sete persiste e allora manda ancora il figlio con la tazza a prendere acqua.
Poco dopo ritorna con la tazza vuota: "Perche' non hai preso l'acqua?".
"Non potevo".
"Perche' non potevi?" .
"Perche' c'era un tizio mezzo matto senza calzoni seduto sul pozzo".
Un ventriloquo milanese si reca in Sardegna per una vacanza ed il giorno in cui vede un contadino nell'aia della propria fattoria non riesce a fare a meno di combinargli il classico scherzetto di quello che parla con gli animali.
"Mi dovete credere, compare, io ci parlo con le bestie, state a vedere".
Si avvicina ad una gallina e le chiede: "Tu con chi fai l'amore?".
E la gallina gli risponde (ma e' lui il ventriloquo a parlare): "Con il gallo, con chi vuoi che lo faccia?".
Il contadino resta stupefatto.
Ed il milanese rincara la dose: "Ehi tu, giumenta, con chi fai l'amore?".
E la giumenta di risposta: "Ma con il mio bel stallone, con chi senno' ?".
Il contadino per poco non sviene.
E il milanese giu' a divertirsi, si avvicina ad una pecora, ma il contadino con un balzo si frappone fra lui e l'animale dicendogli: "Alle pecore e' meglio non chiederlo, sono tutte un po' bugiarde, sa"
Due contadini dopo un anno di duro lavoro ed avendo avuto un ottimo raccolto decidono di andare in citta' per divertirsi un po'. Uno dice all'altro: "Senti, sono d'accordo ad andare in citta' pero' non dobbiamo dimenticare che se non ci fosse stato il toro ad aiutarci nel lavoro ora non avremmo guadagnato tanto, mi sembra giusto che venga anche lui con noi in citta'".
I tre partono ed appena arrivati in citta' chiedono, ovviamente, dove possono trovare delle prostitute per divertirsi.
Saputa la via si dirigono senza esitare.
Arrivati sulla strada bussano alla prima porta, apre una signorina e uno dei due chiede: "Quanto vuole?".
Risponde lei: "Sono 50 mila a testa!".
Il contadino timoroso aggiunge: "Ehm... volevo chiederle, sa noi siamo gente di campagna, insomma abbiamo lavorato duramente e se non ci fosse stato il toro che lei vede abbiamo portato con noi, beh non saremmo qui, se fosse possibile vorremmo far divertire anche lui". Ovviamente indignata la prostituta non ne vuole sapere.
Delusi i due contadini provano da tutte le puttane del paese, mas empres enza risultato, finche' arrivano dall'ultima che rifiuta anch'essa sdegnata, ma alla fine si impietosisce e dice loro: "Statemi a sentire, qui dietro c'e' una mia collega, e' un po' cecata, ditele che vi mando io, non ditele niente del toro, non se ne accorgera'".
I due entusiasti la ringraziano e si dirigono speditamente verso la porta della collega.
La prostituta durante la notte e' presa dallo scrupolo e dal rimorso, cosi' la mattina dopo di buonora si alza e si precipita alla porta dell'amica, bussa energicamente e poco dopo l'amica le apre e chiede: "Che c'e', come mai cosi' presto? E' successo qualcosa?". "No, sai, volevo salutarti e chiedere di quei tre clienti che ti ho mandato ieri sera.
Tutto bene?".
L'amica cecata: "Si' grazie, anzi ti devo 3 clienti, sai gli affari ultimamente non vanno tanto bene". Ancora l'amica: "Beh, ma come e' andata con quei tre, tutti e tre a posto?".
Risponde la cecata: "Beh, sai i primi due normale, ma il terzo quello con il giubbotto di pelle..."
Il mese scorso ero in campagna per una breve vacanza in agriturismo.
Un giorno prese fuoco la stalla, ma non furono chiamati i pompieri.
In fondo era un fuoco di paglia...
Colmo per un contadino toscano: Avere un campo a Firenze e coltivarlo a Prato.
 


© 2000 - /\/\arco /\/\ex